colorare resina epossidica

Colorare Resina Epossidica – Guida completa per pigmenti Resina

La resina per colata è così popolare tra molti artisti, fai-da-te e artigiani perché la resina epossidica può essere colorata e quindi utilizzata per una varietà di progetti creativi. Una delle proprietà più desiderabili della resina è che è trasparente e cristallina. Ma ci sono anche aree di applicazione in cui ha senso colorare la resina da colata. Ma quali sono i coloranti giusti per questo? In questo articolo troverete tutto quello che dovete sapere.

Table of Contents

 

 

Con quale tipo di vernice si può facilmente colorare la resina epossidica?

Nel commercio specializzato è disponibile un numero piuttosto confuso di colori diversi per scopi artigianali. Ma non si può usare un colore qualsiasi come colore della resina.

Dopo tutto, alcuni colori contengono olio o acqua e quindi distorcono il rapporto di miscelazione quando si mescolano le resine epossidiche. Inoltre, alcuni prodotti vernicianti impediscono alla resina epossidica di indurirsi correttamente e possono lasciare punti opachi nel materiale. La resistenza alla luce dei getti in resina epossidica può essere influenzata anche dall’uso di coloranti non idonei. Consigliamo i seguenti coloranti per i vostri progetti di resina:

 

Pigmenti di colore per resina epossidica

Con i pigmenti colorati in polvere, la resina epossidica può essere colorata molto facilmente ed efficacemente. I pigmenti di colore di alta qualità devono essere dosati con molta parsimonia, in quanto hanno un elevato potere colorante. La cosa eccitante dei pigmenti colorati in polvere è che spesso non si sciolgono completamente nella resina liquida. Il risultato è un effetto di colore leggermente granuloso nella resina, che può essere esteticamente molto attraente.

 

Vernice epossidica in forma liquida

La vernice liquida è particolarmente adatta come vernice per la resina epossidica perché è molto facile da miscelare con la resina liquida. La vernice epossidica liquida si scioglie in essa in modo molto uniforme e garantisce una colorazione omogenea della resina da colata.

colori per resina epossidica

 

Note importanti per la colorazione della resina

Per garantire che i progetti con resina epossidica abbiano davvero successo, è necessario prestare particolare attenzione all’esatta aderenza alle quantità consigliate di resina da colata e indurente. Se questo rapporto di miscelazione non viene rispettato esattamente, possono sorgere rapidamente difficoltà impreviste nella lavorazione e nell’indurimento. Ora, naturalmente, la composizione della miscela è leggermente alterata dall’aggiunta di colore. Per la procedura si devono quindi seguire le seguenti istruzioni:

  • Per non alterare più del necessario il rapporto di miscelazione indicato, per la colorazione delle resine epossidiche si dovrebbero utilizzare vernici e pigmenti altamente concentrati con elevato potere colorante.
  • Fondamentalmente si dovrebbero usare solo vernici che non contengono acqua.
  • Prima di utilizzare la vernice epossidica appena acquistata per la prima volta, si dovrebbe prima fare un piccolo test: Per fare ciò, miscelare una piccola quantità della miscela di resina con la vernice in un contenitore separato, in modo da poter osservare la reazione ed effettuare le opportune regolazioni del dosaggio previsto.
  • La protezione UV così importante come la protezione contro l’ingiallimento non viene sostituita dalla colorazione della resina. Naturalmente già oggi è evidente che l’ingiallimento che si verifica nel tempo è meno evidente nelle colate di resina epossidica colorata che nelle colate di resina cristallina con struttura originariamente trasparente. Tuttavia, la mancanza di protezione contro i raggi UV può portare ad un cambiamento di colore dovuto all’ingiallimento o allo sbiadimento, anche con la resina da colata precedentemente colorata.
  • Per i principianti si consiglia di utilizzare la resina non colorata per il primo lavoro con la resina epossidica. Questo vi aiuterà a conoscere meglio le caratteristiche speciali di questo eccitante materiale artigianale, in modo da poter determinare più facilmente il corretto dosaggio dei colori in seguito.

 

 

Istruzioni passo dopo passo: Colorazione della resina epossidica

Basta seguire i passi elencati di seguito per colorare la vostra resina esteticamente e con alta qualità senza problemi:

  • Prima di iniziare a lavorare, preparate tutti i materiali necessari, poiché si può facilmente essere sottoposti a stress da tempo durante molte fasi di lavoro epossidico.
  • Coprire l’area di lavoro con un foglio o un cartone previene i danni e rende più facile la pulizia in seguito.
  • Per non subire danni alla pelle o alle vie respiratorie, si consiglia vivamente di utilizzare indumenti protettivi costituiti da occhiali di sicurezza, una maschera di respirazione adatta e guanti in nitrile come nuovi.
  • Prima della colorazione, la resina e l’indurente devono essere miscelati nel rapporto corretto. I due componenti devono prima essere ben miscelati prima di poter aggiungere i coloranti desiderati.

resina epossidica colorata

  • Aggiungere ora la vernice epossidica preparata, misurata in base al dosaggio, alla resina epossidica appena miscelata nel recipiente di miscelazione. Per non ottenere più vernice del necessario, si dovrebbe prima miscelare una parte della vernice in modo uniforme con la massa di resina da colata. Si può poi aggiungere altra vernice in diversi giri e mescolarla con la resina fino ad ottenere finalmente la tonalità desiderata.
  • Durante la colorazione, si dovrebbe sempre tenere presente la regola empirica secondo cui una percentuale di colore superiore al 5 per cento rispetto alla quantità totale della miscela potrebbe causare problemi di indurimento della resina. Il rapporto di miscelazione della resina e dell’indurente non deve essere indebitamente influenzato dall’aggiunta di colore.

 

 

Le nostre raccomandazioni: Vernice epossidica liquida

 

Coloranti speciali per resina

Sul mercato sono disponibili diverse vernici pastose e liquide, che sono state appositamente sviluppate come vernici per resina epossidica e le sue specifiche esigenze. Rispetto ad altri colori, questi sono naturalmente adatti in modo ottimale per la colorazione con resina epossidica. Uno dei prodotti più noti di questo tipo è il cosiddetto ResinTint di ArtResin. Questo prodotto non solo soddisfa i più elevati requisiti di qualità, ma è anche molto economico da utilizzare. Prodotti come questo sono in molti casi basati su un prepolimero. Questo è notevole perché le resine epossidiche contengono anche polimeri e quindi i colori delle resine di questa categoria possono essere miscelati molto bene con le resine epossidiche. Questi inchiostri epossidici possono essere utilizzati molto bene anche in combinazione con tutti i tipi di resine da colata e con la speciale resina UV:

 

 

 

Inchiostri da alcool / Inchiostri da alcool

Di norma, l’inchiostro viene effettivamente prodotto sulla base dell’acqua come solvente utilizzato. Tuttavia, ci sono anche inchiostri a base di alcol. In entrambi i casi, l’inchiostro contiene pigmenti di colore in concentrazioni estremamente elevate, cosicché durante la tintura, bastano poche gocce di questi pigmenti per tingere una certa quantità di resina epossidica. Ma dovete sapere che gli inchiostri alcolici non sono molto resistenti alla luce. Ecco perché ci possono essere problemi con i progetti di resina per esterni se la luce UV colpisce la resina colorata con inchiostro alcolico per un lungo periodo di tempo. Gli inchiostri alcolici sono di solito trasparenti e il loro effetto cromatico è particolarmente concentrato.

Recentemente sono disponibili anche inchiostri alcolici opachi, particolarmente adatti per l’arte di Petri:

Octopus Fluids Alcohol Ink Set OPAK, 14 x 30ml
  • Hochwertige OPAKE Alcohol Inks für Fluid Art und Resin Art
  • 14 deckende Pastellfarben für dunkle Untergründe
  • kombinierbar mit allen transparenten Alkoholtinten
Bei Amazon ansehen

 

 

Vernice per aerografo

I colori che di solito vengono utilizzati per le tecniche di progettazione degli aerografi sono molto adatti anche per la colorazione con resina epossidica. Tuttavia, in questo settore non si dovrebbe prestare attenzione solo al prezzo, ma piuttosto scegliere prodotti di qualità ragionevole con una sufficiente concentrazione di colore. Possiamo consigliare i colori dell’aerografo Aero Color della marca Schmincke.

pigmenti per resina

 

 

I nostri preferiti: Additivi colorati in polvere

 

Pigmenti di colore

Per quanto riguarda i pigmenti di colore, si fa una distinzione fondamentale tra le polveri di colore su base naturale e quelle di materiali sintetici. I pigmenti di colore inorganici provenienti da fonti naturali sono, ad esempio, terre e minerali essiccati e poi macinati molto finemente. Inoltre, esistono numerosi modi molto diversi di produrre pigmenti di colore a base sintetica.

La gamma di pigmenti di colore disponibili nei negozi specializzati è cambiata notevolmente negli ultimi anni. I pigmenti di colore naturali di molti pigmenti minerali tradizionalmente usati erano esauriti e quindi non più disponibili in commercio. Inoltre, sono stati poi vietati anche vari pigmenti di colore a base inorganica perché contenevano composti di metalli pesanti relativamente tossici. La lavorazione di questi speciali pigmenti colorati è stata associata a corrispondenti rischi per la salute. Questi pigmenti colorati tossici o semplicemente non ottenibili in natura sono stati completamente sostituiti in questo paese da prodotti equivalenti su base sintetica.

In generale, i pigmenti di colore sono suddivisi in diverse categorie: Ad esempio, esiste un’ampia gamma di disegni diversi, dai colori opachi e ordinari ai pigmenti di colore metallici luccicanti. Tuttavia, assicurarsi di scegliere pigmenti di colore con elevata resistenza alla luce per la resina da colata. Questi non sbiancano quasi per niente e quindi mantengono il loro colore originale a lungo termine. Non vorrete certo che le vostre opere d’arte più o meno laboriosamente realizzate in resina epossidica perdano le loro originali sfumature di colore dopo poco tempo. Pertanto, quando si acquistano pigmenti di colore come vernici a resina epossidica, è meglio tenere le mani lontano dai prodotti a basso costo di marche sconosciute. È meglio investire il proprio denaro nei pigmenti di colore di marchi di produttori di comprovata efficacia per proteggersi da spiacevoli sorprese.

 

Suggerimento: Quando si lavora con resina epossidica e pigmenti colorati si dovrebbe sempre indossare una protezione respiratoria di alta qualità. Questo vi impedirà di inalare le particelle di vernice fine e proteggerà la vostra salute da danni conseguenti a lungo termine.

pigmenti per resina epossidica

 

Pigmenti luminosi

Se si utilizzano speciali pigmenti luminescenti come vernice per la resina epossidica, è possibile utilizzarli per farla brillare al buio. Ci sono due diversi approcci per questo effetto speciale: Un tipo di pigmenti luminosi è fatto brillare dalla cosiddetta luce nera, mentre gli altri pigmenti luminosi vengono prima caricati sotto la luce UV e poi brillano al buio per diverse ore.

 

Polvere di brillantina

Anche con la polvere di glitter si possono creare effetti ottici molto freddi. Anche in questo caso, nei negozi specializzati è disponibile un’ampia scelta che va dal semplice glitter metallico al glitter olografico. La polvere di glitter non si scioglie nella resina epossidica e non la colora. Tuttavia, l’effetto glitter nella resina produce effetti molto belli con un’ottica impressionante.

 

 

Mezzi di colore NON adatti alla resina

 

vernice acrilica

La vernice acrilica, che di solito viene miscelata con acqua, pigmenti colorati e vari leganti, viene anche miscelata con additivi come conservanti, a seconda della variante di prodotto e della marca. Pertanto vogliamo mettervi esplicitamente in guardia contro l’uso di vernici acriliche come vernici epossidiche. L’acqua e gli additivi contenuti in queste vernici possono portare a risultati assolutamente imprevedibili e anche indesiderati se combinati con la resina epossidica. Inoltre, quando si utilizza vernice acrilica, la superficie dei getti è spesso opaca e striata. Tuttavia, se non ci sono altri colori a portata di mano, un test con vernici acriliche può servire almeno a fare esperienza.

 

Vernici a olio

Le vernici ad olio contengono solitamente lipidi, che rendono impossibile mescolare correttamente la vernice con la resina. Piuttosto, l’esperimento porterebbe immediatamente alla formazione di grumi che non possono essere mescolati.

 

Acquerelli / Acquerelli

Anche gli acquerelli non sono realmente adatti all’uso in combinazione con la resina epossidica. Tuttavia, il motivo non è che i colori non si legherebbero con la resina da colata. Piuttosto, sono semplicemente troppo debolmente pigmentati e sarebbero quindi troppo debolmente colorati per poter colorare la resina epossidica. La quantità di vernice a base d’acqua necessaria per ottenere l’effetto cromatico desiderato sarebbe estremamente elevata. Inoltre, la consistenza della vernice renderebbe anche molto difficile o addirittura impossibile mescolare bene la resina epossidica e la vernice.

 

 

Domande e risposte frequenti

 

I getti in resina epossidica possono essere verniciati anche a colori?

E’ abbastanza possibile. Tuttavia, raccomandiamo vivamente l’uso di una lacca bicomponente di alta qualità. La vernice per auto, ad esempio, è molto adatta a questo scopo. Tuttavia, i risultati sono di solito migliori se la resina utilizzata per la colata è già colorata prima della colata.

Tuttavia, alcune applicazioni possono essere più adatte anche per la verniciatura successiva. Questa variante ha quindi un senso anche nella costruzione di acquari e terrari. Anche i tavoli di alta qualità con contenuto di resina sono spesso rivestiti con uno strato di vernice protettiva dopo la produzione.

 

Con cosa si può colorare la resina da colata?

La resina per colata è una resina epossidica di consistenza relativamente sottile. Questi possono anche essere miscelati con i suddetti supporti colorati senza problemi e quindi colorati.

 

Con cosa si può tingere la resina UV?

In termini di selezione del colore, la resina UV molto speciale non si differenzia in modo significativo dalla comune resina epossidica o dalle cosiddette resine di laminazione. Tuttavia, quando si colorano le resine UV si dovrebbe anche fare attenzione a non modificare troppo il rapporto di miscelazione dei singoli componenti mescolando i colori il più accuratamente possibile.

 

E la resistenza al calore della resina epossidica colorata?

Di norma, le resine epossidiche disponibili nei negozi specializzati sono resistenti alle temperature fino a temperature comprese tra i 70 e i 100 gradi Celsius senza alcun problema. Tuttavia, il valore esatto dipende dai prodotti utilizzati e dagli additivi aggiunti. In alcuni casi, i coloranti e i pigmenti misti possono avere un effetto negativo sulla resistenza alla temperatura dei getti prodotti. Per questo motivo può avere senso coprire i tavoli con resina epossidica colorata con uno strato protettivo di resina epossidica trasparente prima dell’uso.

 

La resina epossidica può essere colorata anche in bianco o in nero?

In linea di principio, sono disponibili anche colori per la resina epossidica in bianco e nero, ma se colorata con questi colori, la resina non diventa opaca come se la superficie fosse dipinta in seguito.

 

L’adesivo in resina epossidica può essere colorato?

Anche l’adesivo in resina epossidica può essere tinto con relativa facilità. Tuttavia, si dovrebbe tener conto del tempo di lavorazione e supporre che potrebbe essere necessario un po’ più di tempo perché l’adesivo si polimerizzi e si asciughi completamente.

 

Come si può colorare la resina da colata e la resina epossidica nel modo più trasparente possibile?

Se la resina epossidica non viene verniciata dopo, ma colorata prima della colata, in realtà rimane sempre un po’ trasparente. Se si desidera esplicitamente una colorazione preferibilmente trasparente, è possibile utilizzare a tale scopo paste colorate appropriate. A questo scopo si possono anche sperimentare colori come l’inchiostro dell’aerografo o l’inchiostro della stampante, per ottenere risultati relativamente trasparenti con un dosaggio molto ridotto.

 

Come e per cosa devono essere utilizzati i pigmenti per la colorazione delle resine epossidiche?

Fondamentalmente, i pigmenti sono generalmente caratterizzati da una maggiore resistenza ai raggi UV. Sono quindi adatti per applicazioni all’aperto con la relativa esposizione ai raggi UV. Lo svantaggio dei pigmenti, tuttavia, è che non possono essere miscelati con la resina in modo omogeneo come gli altri coloranti.

colorare la resina

 

Come dosare le vernici utilizzate per la colorazione della resina epossidica?

Abbiamo già accennato in precedenza alla regola empirica che definisce un valore del 5% come limite approssimativo. In caso di utilizzo di ArtResin, la percentuale del colorante nella quantità totale miscelata non deve superare, se possibile, il valore del 6 %. Percentuali più elevate di colorante perturberebbero l’equilibrio sensibile, essenziale per un andamento indisturbato dei processi di trasformazione chimica durante la polimerizzazione. Tuttavia, possiamo assicurarvi dalla nostra esperienza pratica che nella maggior parte dei casi probabilmente interromperete la fornitura di vernice molto prima che venga raggiunto il limite del 6%. Ciò è dovuto semplicemente al fatto che la resina epossidica trasparente può essere colorata in genere in modo soddisfacente con quantità molto piccole di colorante.

 

Colorare la resina epossidica nella costruzione di acquari e terrari?

La resina epossidica colorata e completamente polimerizzata non rappresenta un rischio per gli animali, poiché dopo la polimerizzazione nessun colorante può dissolversi o essere lavato via dalla resina.

 

La resina epossidica può essere colorata con coloranti alimentari?

Purtroppo la composizione dei colori alimentari non è adatta alla colorazione con resina epossidica. Anche questi colori non sarebbero resistenti alla luce.

 

È possibile colorare la resina epossidica con l’inchiostro delle cartucce standard per stilografiche?

In linea di principio, questo è concepibile, ma anche questo inchiostro di solito non è molto resistente alla luce. Pertanto, gli esperimenti di questo tipo dovrebbero piuttosto essere limitati alle fusioni che non saranno esposte alla luce naturale del sole in seguito.

 

Articoli simili