acquerello

Pittura Acquerello – Guida all’Acquerello Tecnica

La pittura ad acquerello è particolarmente adatta alle persone impazienti, poiché i dipinti ad acquerello vengono dipinti in tempi relativamente brevi. Già dopo poco tempo è visibile un risultato che aumenta la motivazione. Inoltre, sono sufficienti pochi materiali da disegno e accessori per dipingere gli acquerelli e si può iniziare subito senza molte conoscenze. Anche gli acquerelli si asciugano rapidamente.

 

 

Cos’è la pittura acquerello?

Il termine acquerello deriva dalla parola latina “Aqua”, che significa acqua. Oltre all’acqua, è necessaria una vernice ad acquerello, una vernice per vetrificazione composta da pigmenti di colore e da un legante.

Questo viene diluito con acqua e applicato con un pennello sul fondo del quadro, di solito una carta ad acquerello. A differenza di altre tecniche pittoriche, come la pittura acrilica o la pittura ad olio, lo sfondo rimane visibile quando si dipingono gli acquerelli. Si può anche usare questo per dipingere diverse tonalità di colore l’una sopra l’altra per creare effetti interessanti. Sono comuni anche i termini acquerello o acquerello.

acquerello su tela

 

 

Caratteristiche e caratteristiche dell’acquerello

La pittura ad acquerello è composta da pigmenti di colore e da uno o più leganti. Di solito il legante è gomma arabica, che è quasi trasparente e solubile in acqua. Gli acquerelli non sono stirati, ma trattati allo stato puro. Ciò garantisce una luminosità molto alta e intensa delle immagini, tipica di questa forma d’arte. È possibile mescolare i colori ad acquerello a piacere e ottenere così tutte le tonalità di colore con i colori di base rosso, blu e giallo. Per motivi di semplicità e per una maggiore comodità, si consiglia di acquistare una scatola di vernice leggermente più grande con colori aggiuntivi.

Dal momento che non c’è un acquerello in bianco, devi aiutare te stesso lasciando fuori lo spazio sulla carta che dovrebbe rimanere bianca. Questa tecnica in pittura si chiama “tecnica negativa” e richiede un po’ di pratica all’inizio.

 

Un grande vantaggio degli acquerelli è la loro luminosità e intensità. Positivo è anche il breve tempo di asciugatura delle immagini ad acquerello. Inoltre, la pittura ad acquerello è adatta ai principianti, in quanto è relativamente facile da imparare. Probabilmente avete già imparato le basi ai tempi della scuola, dove avete già dipinto con gli acquerelli. Tuttavia, una volta applicata la vernice ad acquerello, non c’è quasi nessuna possibilità di correzione. Pertanto, un’applicazione accurata è particolarmente importante per questa tecnica di pittura.

disegni acquerello

 

 

Materiali necessari per dipingere gli acquerelli

Per dipingere quadri ad acquerello non servono molti materiali, ma si dovrebbero, come sempre, usare prodotti di alta qualità, soprattutto per i pennelli. In questo modo si evita la frustrazione e si può dare libero sfogo alla propria creatività.

 

La scelta dell’acquerello giusto

C’è una vasta scelta di acquerelli. Il modo più pratico è quello di utilizzare una scatola di colori ad acquerello, che contiene diversi colori e che si può chiudere e conservare dopo l’uso. Per i principianti nella pittura ad acquerello, sono adatti anche gli acquerelli a basso costo, poiché hanno già una buona densità di colore. Per gli artisti dell’acquerello avanzato, si consiglia l’uso di acquerelli di alta qualità, in modo che le opere d’arte abbiano la giusta luminosità ed espressività.

Potete decidere voi stessi se preferite usare una scatola di acquerelli o se preferite i colori dal tubo. È possibile utilizzarlo per creare il proprio spettro di colori. Sia i colori delle coppe che i colori dei tubi sono venduti singolarmente dai principali produttori.

La maggior parte dei tubi di vernice e delle scatole per acquerelli può essere acquistata in diverse qualità. Come per i colori acrilici, si fa spesso una distinzione tra acquerelli per principianti e per pittori esperti.

come si usano gli acquerelli

La pittura per artisti, il colore consigliato per gli artisti avanzati, è di solito più pigmentata e disponibile in una gamma più ampia di colori. Le vernici per principianti, invece, spesso utilizzate dagli studenti, sono costituite da una percentuale maggiore di leganti, la componente più economica della vernice.

Per la pittura ad acquerello per principianti si possono usare senza esitazioni gli acquerelli, che sono pubblicizzati per studenti e principianti e sono quindi più economici dei colori per pittori esperti. Ma si può anche investire un po ‘più soldi come un principiante e acquistare un colore più resistente e più forte. Questo vi darà una migliore qualità del colore e forse il colore di qualità superiore può essere lavorato meglio.

 

Schmincke Acquarello Akademie Pz 24 ed Estompen
  • Accademia Schmincke Accademia Acquerello Colori Artisti
  • elevata resistenza alla luce, risultati di miscelazione brillanti
  • Scatola di metallo con 24 mezze tazze
Vista su Amazon

 

Winsor & Newton acquerelli Cotman confezione tascabile 12 mezzi godets
  • La qualità al giusto prezzo
  • Confezione tascabile Sketchers contenente 12 mezzi godet + 1 pennello tascabile.
  • Sia gli acquerelli Cotman che quelli Professionali possono essere liberamente mescolati fra loro.
  • Cotman è adatta sia ad artisti dilettanti che professionisti che usano grandi quantità di colore
Vista su Amazon

 

 

Il nostro consiglio: Schmincke Academy Watercolors

Gli acquerelli della Schminke Academy sono probabilmente gli acquerelli di più alta qualità prodotti in Germania. Questi eccellenti colori sono stati prodotti dall’azienda tedesca per molti anni e da allora il loro status non è cambiato.

Gli acquerelli sono eccellenti in termini di luminosità, pigmentazione e lavorazione. La particolarità dei set Schmincke’s è che sono dotati di coppe mezze e coppe intere, che sono posizionate su rotaie. La differenza tra le due tazze è che una mezza tazza è larga esattamente la metà di una tazza intera. Questo ha il vantaggio di poter mettere insieme il proprio paintbox individuale nel tempo. I colori che si usano più spesso possono essere ripresi come una tazza piena e i colori di cui si ha bisogno meno spesso di mezza tazza. In questo modo è possibile sfruttare al meglio lo spazio disponibile nel paintbox e disporre di una tavolozza di colori personalizzata.

Come inizio potete scegliere una scatola con mezze tazze e familiarizzare con i colori di Schmincke. In seguito è possibile regolare ulteriormente lo spettro dei colori. Schmincke offre anche scatole di pittura che hanno già una barra piena e una vuota, in modo da poter aggiungere direttamente i singoli colori.

 

Secondo la loro qualità, il prezzo degli acquerelli di Schmincke è nel segmento superiore. I colori prodotti in Germania sono proprio la cosa giusta per voi se siete già un po’ avanzati nella pittura ad acquerello e volete sfruttare appieno le possibilità di questa forma d’arte.

acquerelli tecnica

 

Matite ad acquerello

Con le matite ad acquerello si combina la precisione e la comodità di una matita colorata con il risultato di un pennello. Questo è il vantaggio delle matite ad acquerello. Le matite ad acquerello sono particolarmente utili per disegnare linee molto sottili e aggiungere accenti ai vostri dipinti ad acquerello. Potete trovare informazioni utili sulle matite ad acquerello, il loro uso e le tecniche nelle nostre “Istruzioni per le matite ad acquerello”.

 

 

 

colorare con acquerelli

 

Penna a pennello ad acquerello

Le penne a pennello vi serviranno come complemento perfetto. Per un’applicazione diretta ed esatta dei colori c’è anche la Penna a pennello per acquerello da qualche tempo. Il Pennino a pennello può essere paragonato a un pennarello con un pennello sul davanti. In questo modo è possibile tracciare linee e accenti con precisione, che possono poi essere ulteriormente modificati con l’acqua.

 

 

acquerello tecnica

 

I pennelli giusti per la pittura ad acquerello

Particolarmente importanti per la pittura ad acquerello sono i pennelli di alta qualità, perché sono il vostro strumento principale. Migliori sono i pennelli, più ci si diverte a dipingere. I pennelli rossi di zibellino si sono rivelati particolarmente buoni, in quanto possono assorbire molta acqua e vernice e consentono di dipingere con precisione.

Per mantenere le spazzole pulite il più a lungo possibile, è necessario mantenerle sempre pulite. Per pulirli, lavarli con acqua tiepida fino a quando non fanno la schiuma e sciacquarli con acqua chiara e non calda. Per evitare che i peli sottili della spazzola si rompano, metteteli a testa in giù in un bicchiere ad asciugare.

Si consiglia la seguente dotazione di base di spazzole:

  • Spazzola tonda piccola: adatta per l’impostazione dei dettagli
  • Pennello rotondo medio: per disegnare tratti ampi e impostare contorni, punti e linee nette
  • Spazzola media piatta: per lavaggi uniformi e per disegnare linee forti
  • Spazzola di lavaggio (spazzola di lavaggio piana): ben adatta per lavare le aree di colore e per le correzioni grazie alla sua elevata capacità di assorbimento

 

 

dipingere con gli acquerelli

 

Carta ad acquerello

Anche la carta su cui dipingete i vostri quadri ad acquerello è importante. Si dovrebbe usare carta forte, perché la carta sottile si arriccia rapidamente. Altrimenti la vernice si raccoglierà in pozzanghere. Lo spessore della carta dovrebbe quindi essere compreso tra 200 g/m² – 300 g/m². Si consiglia inoltre di utilizzare un blocco di acquerello incollato tutto intorno, in modo che i seguenti fogli non vengano accidentalmente inchiostrati. In questo modo si eviterà anche che la carta scivoli quando si dipinge.

Nella pittura ad acquerello per principianti è sufficiente un prodotto economico e di buona qualità. Non deve essere necessariamente la carta più costosa o la migliore disponibile sul mercato. Non appena si ha un po’ di esperienza con la pittura ad acquerello, si può sperimentare con diversi sfondi e testare anche carta di fascia di prezzo più alta.

Se avete progettato un’opera d’arte particolarmente importante, dovete prestare attenzione alla massima qualità. Ciò significa che la carta deve essere priva di acidi, di cotone e pesare almeno 300 g/m². La consistenza della superficie dovrebbe dipendere dal motivo e dal vostro stile di pittura. Per i vostri importanti dipinti ad acquerello, non usate blocchi di pittura dove è difficile separare i singoli fogli.

Vale la pena di sperimentare diverse superfici per migliorare la propria arte. Conoscerete il vostro stile di pittura e imparerete a cosa è più adatto. Queste esperienze vi permetteranno di acquistare la carta ad acquerello più adatta a voi.

pittura acquerello

 

Il nostro consiglio: Willingood carta ad acquerello

La carta acquerello Willingood è una carta buona e poco costosa in qualità di studio. Ad esempio, il blocco A3 con 300 g/m², 30 fogli e grana media è già disponibile a circa 17,50 Euro.

La carta per acquerelli è disponibile in carta liscia e ruvida. Il lato anteriore di ogni foglio ha una grana media ed è quindi ideale praticamente per tutte le tecniche di acquerello. Il retro dei fogli è sempre liscio ed è adatto, ad esempio, per la scrittura a mano e a pennello. La carta stampata a freddo è priva di cloro e acido, resistente all’invecchiamento, a pH neutro, realizzata al 100% in cotone e senza sbiancanti ottici.

Se siete alla ricerca di una carta per acquerelli che sia buona per la pratica e poco costosa, Willingood carta per acquerelli è la scelta giusta.

 

 

Accessori e ausili per l’acquerello

 

Tavolozza dei colori

Per mescolare l’acquerello con l’acqua o per mescolare le tonalità, è necessaria una tavolozza di colori (piastra in plastica, semplice piastra bianca o piastrella in ceramica). Per mescolare i colori è necessaria una zona piana e almeno sei o otto piccole depressioni per i colori liquidi miscelati. Deve essere abbastanza grande da poter mescolare i colori.

Nella pittura ad acquerello si dovrebbe, a differenza della pittura ad acrilico o a olio, dare un valore più alto alla tavolozza. Poiché la vernice è abbastanza liquida e viene assorbita rapidamente, una striscia di cartone non è adatta a sostituire un pallet.

disegni con acquerelli

 

Effetti con spazzolino e spugna naturale

C’è una grande varietà di articoli per la casa che possono essere utilizzati come strumenti di pittura creativa. Con uno spazzolino da denti si possono fare degli schizzi di colore. Una spugna naturale è buona per creare rappresentazioni naturali di alberi e foglie.

 

Bicchiere per la pulizia e la bagnatura

Avrete bisogno di diversi bicchieri d’acqua. Uno per bagnare la superficie e mescolare i colori. Un altro per pulire le spazzole.

 

tovaglioli di carta per tamponare

Per rimuovere l’acqua o la vernice in eccesso dal pennello, si dovrebbe avere a portata di mano un panno di cotone morbido. Gli asciugatutto di carta sono particolarmente assorbenti. Possono anche essere utilizzati per tamponare grandi quantità di liquido direttamente dal dipinto. È possibile effettuare correzioni o utilizzare il panno per i propri effetti.

 

 

Pittura ad acquerello per principianti – I primi passi per la pittura ad acquerello

 

Preparazione dei materiali

Create diverse tonalità del vostro colore (colori di base + rosa). Più si diluisce il colore con l’acqua, più il risultato sarà chiaro e più luccicante.

Poi si può testare la diluizione dei colori e l’applicazione a pennello sulla carta. Per fare questo, preparare due bicchieri d’acqua per bagnare e pulire e un rotolo da cucina.

 

Pittura di fondo e primo strato di vernice

Per prima cosa dipingete il vostro motivo sulla carta da acquerello e segnate dove dovrebbero essere le aree colorate o gli incavi.

Prendete quindi una spazzola piatta e inumidite uniformemente la carta con acqua limpida. Quindi utilizzare un pennello grande per applicare sulla superficie bagnata variazioni molto fluide dei tre colori principali. L’applicazione di vernice alla lavanda assicura che le aree colorate si incastrino l’una nell’altra senza problemi e si asciughino rapidamente.

tecniche di acquerello

Miscelazione delle tonalità di colore

Non appena il primo strato di vernice è asciutto, si può tamponare la vernice esistente in punti con una tonalità più scura (usando meno acqua). I colori diventano più forti nei punti in cui si mettono più aree dello stesso colore l’una sopra l’altra o accanto all’altra.

Potete ripetere questo processo tutte le volte che volete (ad es. sui petali). È possibile creare transizioni morbide dipingendo sulla superficie della vernice ancora umida. Per gli spigoli vivi si può aspettare che la superficie si asciughi.

 

Intensificare i contorni e i colori

Infine è possibile rimuovere il pigmento di colore con un po’ d’acqua. La vernice in eccesso può essere tamponata con un tovagliolo di carta. Disegnare poi linee deliberate sulla carta già essiccata e impostare accenti di colore intensivo (ad esempio, cuori di fiori e bordi delle foglie).

 

 

Tecniche di acquerello

Ci sono due tecniche principali per la pittura ad acquerello, che vorremmo qui descrivere: Lo smalto e il lavaggio. Entrambe le tecniche utilizzano le proprietà dell’acqua. A causa del tempo di asciugatura di pochi minuti si può applicare bagnato in colori bagnati (lavaggio). Quando la vernice è asciutta, è possibile dipingere sopra lo strato di vernice già verniciato (smaltatura). La granulazione è una tecnica meno utilizzata, che spiegheremo più avanti.

 

Vetri

Quando si procede alla smaltatura, bisogna prima aspettare che la vernice si sia asciugata. Ci vogliono solo pochi minuti. Con una mano di vernice si ottengono colori brillanti. Con la vetratura si può poi creare un’altra dimensione sotto forma di un altro strato di vernice. In questo modo si ottengono diverse tonalità chiare e scure. Per evitare che lo strato di vernice inferiore si stacchi, è necessario assicurarsi di applicare lo strato di vernice supplementare in modo relativamente rapido. Questa tecnica di smaltatura è usata molto spesso ed è caratteristica della pittura ad acquerello.

l acquerello

 

Lavaggio

Il tempo di asciugatura viene utilizzato per il lavaggio. Se si applica la vernice ad acquerello diluita con acqua, si ha qualche minuto in cui la vernice è ancora bagnata. Durante questo tempo è possibile dipingere nella vernice ancora umida durante il lavaggio. Durante questo tempo, le applicazioni di vernice si mescolano e si incontrano. Più l’applicazione della vernice è liquida, più i colori sono mescolati in modo uniforme. La cosa speciale è che il secondo strato di vernice rimane all’interno della zona precedentemente dipinta, ancora umida. Con questa tecnica pittorica di lavaggio si possono creare aree di colore e strutture cromatiche in cui i colori si fondono. Per influenzare la vernice ancora umida nel suo flusso è possibile utilizzare non solo pennelli ma anche altri strumenti come cannucce o soffiatori a foro.

È inoltre possibile utilizzare il lavaggio per far passare lo stesso colore da opaco a trasparente. Questa cosiddetta tecnica del gradiente è un po’ più impegnativa. Si bagna la zona desiderata con acqua e poi si applica un po’ di acquerello su un lato. Poi disegnatelo con attenzione sull’altro lato con una spazzola a ventaglio. La vernice in eccesso può essere facilmente assorbita con un po’ di carta da cucina.

come dipingere con gli acquerelli

 

Granulazione

La granulazione è una tecnica speciale che viene utilizzata solo in modo molto selettivo. L’obiettivo è quello di utilizzare la struttura della carta per scopi di progettazione. Pertanto l’inchiostro non deve penetrare nelle strutture profonde della carta. Ciò significa che le aree in rilievo della carta contengono colore e le aree più profonde no.

Si può usare questa tecnica per esempio per dipingere i muri, dove la struttura della carta enfatizza l’aspetto del muro. La granulazione è molto adatta anche per superfici d’acqua riflettenti.

dipingere acquerello

Con questa tecnica pittorica è importante che la carta ad acquerello sia strutturata di conseguenza. Immergete il vostro pennello rotondo in un po’ di vernice e poi tiratelo piatto e con una pressione molto leggera sulla carta. In questo modo la vernice viene applicata solo sul lato superiore della struttura e le zone più profonde rimangono bianche.

 

Nass in Nass

La tecnica bagnato su bagnato è la tecnica più comune usata nella pittura ad acquerello, ma è anche molto temuta, perché si ha poco controllo sul corso dei colori. Questo è ciò che rende la pittura ad acquerello così emozionante e bella. Questa tecnica di pittura promuove in modo ottimale anche lo sviluppo della propria creatività. Dalle forme risultanti si elaborano elementi di immagine che non erano stati pianificati prima. In una certa misura, la sfumatura di colore può essere controllata e influenzata con sufficiente esperienza. Tuttavia, ci vuole un po’ di tempo e molti tentativi falliti prima che questo funzioni.

Per la pittura ad acquerello bagnato su bagnato si inumidisce prima la superficie che si vuole dipingere bagnato su bagnato con una spugna o un pennello. La superficie non deve essere troppo bagnata, in modo che non si creino pozzanghere, ma solo così umida da far brillare l’intera superficie. Si può tamponare l’acqua in eccesso con un asciugamano da cucina.

disegni acquerelli

Più si attende l’applicazione dei colori, più i colori scorrono. Più la carta è bagnata, più l’inchiostro cola. È possibile influenzare un po’ la sfumatura di colore facendo ondeggiare la carta avanti e indietro. È possibile diluire i colori con acqua o utilizzarli direttamente dalla tazza / tubo. Il risultato sarà quindi corrispondentemente intenso o delicato. È possibile tamponare o stendere i colori con un pennello grande. Potete anche mescolarli in una ciotola separata e poi “versarli” sulla carta. Mentre la vernice scorre, compaiono strutture spontaneamente interrotte. Se la superficie è molto bagnata, i colori fluiranno l’uno nell’altro anche senza struttura.

È anche possibile aggiungere un altro strato di vernice ad uno strato di vernice bagnato che è stato applicato su carta asciutta. Qui si deve considerare che alcuni pigmenti ne spostano quasi altri, in quanto sono più o meno dominanti. Questo è dimostrato dall’esperienza.

È possibile praticare questa tecnica applicando la vernice su varie superfici bagnate. Questo è il modo migliore per scoprire quanto deve essere bagnata o asciutta la carta per ottenere l’effetto desiderato.

Inumidire una carta da acquerello pulita e lasciarla asciugare per circa mezzo minuto. Poi aggiungere qualche goccia di vernice o linee di vernice con un pennello sulla superficie bagnata. Ora guardate come corrono e fluiscono i colori. Provate un po ‘in giro e variare la quantità di tempo si mette la vernice sulla carta.

 

Tecnica del tampone

Mescolare un colore verde chiaro in una tavolozza. Utilizzare meno acqua e più vernice, in modo da ottenere un colore più denso. Ora è possibile utilizzare una spugna asciutta (preferibilmente una spugna naturale a pori grossi) per lavorare nella vernice e poi posizionarla con cura sulla carta. In questo modo si possono creare strutture ad albero. In attesa che la zona macchiata si asciughi, mescolare un po’ di vernice blu con la vernice verde chiaro in modo da ottenere un verde più scuro. Raccogliere la vernice con la spugna e tamponare la vernice su alcune parti della cima dell’albero maculato. Questo crea molti diversi livelli di luminosità all’interno della cima dell’albero, rappresentando le aree di luce e ombra. Per rendere l’albero più profondo, è possibile farlo con diverse gradazioni di colore.

Infine si può dipingere il tronco e i rami nell’albero. Fare attenzione a non dipingere il tronco in continuazione, perché il tronco non è completamente visibile in natura. È meglio andare fuori e dare un’occhiata a diversi alberi. Fate attenzione a dove sono visibili il tronco e i rami e a come sono distribuite le ombre. Naturalmente, questo vale solo per gli alberi frondosi, con gli alberi senza foglie si possono sempre vedere tutti i rami e i ramoscelli.

Per tamponare si può anche usare una spazzola a setole dure, che è già un po’ consumata e dove le setole non sono più così vicine. La vernice deve essere il più spesso possibile o essere tamponata “a secco”.

 

Tecnica negativa

Nella pittura ad acquerello, la pittura in negativo è quando le aree luminose vengono lasciate fuori durante il processo di pittura, che conducono intorno a un oggetto ancora immaginario o disegnato a matita. Nella maggior parte dei casi una superficie colorata viene prima dipinta bagnata su bagnato in colori delicati e dopo l’asciugatura un certo motivo viene poi evidenziato bagnato su asciutto. Questo viene fatto dipingendo l’area circostante con colori più scuri. Gli oggetti negativi spesso nascono spontaneamente durante il processo di pittura e creano un interessante effetto ottico. Se si sovrappongono più strati negativi uno sull’altro o uno dopo l’altro, si può anche creare un effetto simile al 3D, che dà alla vostra immagine un’eccitante attrazione visiva. Tuttavia, questa tecnica non è facile da imparare, perché bisogna pensare a testa in giù.

tecnica dell'acquerello

 

Tecnica di lavaggio

Per la tecnica di lavaggio, si crea prima di tutto una superficie di qualsiasi colore. Poi si prende un pennello pulito e asciutto e si solleva la vernice dalla carta in alcuni punti. Se la vernice è ancora molto bagnata, è necessario ripeterlo alcune volte nello stesso punto, altrimenti la vernice fluirà dalla zona adiacente.

Potete anche aspettare che la carta si asciughi e poi lavare via l’inchiostro. Tuttavia, questo è molto più difficile che allo stato umido e avrete bisogno di un pennello umido con il quale potrete sciogliere la vernice. Alcune carte speciali (la maggior parte delle carte pressate a freddo, a grana fine) favoriscono la tecnica del lavaggio, mentre altre carte (molte carte satinate o fatte a mano senza incollatura della superficie) rendono il lavaggio quasi impossibile.

Nella maggior parte dei casi non è possibile rimuovere completamente l’inchiostro, in quanto il bianco della carta di solito non viene recuperato. Alcuni pigmenti possono essere rimossi meglio di altri.

tecnica acquerello

 

Creazione di oggetti tridimensionali con pasta di struttura

Se volete rendere più piccante la vostra immagine ad acquerello con effetti tridimensionali che danno struttura, potete usare una pasta per struttura. La pasta di struttura è disponibile sia a grana fine che a grana grossa. La grana fine è buona per la formazione di petali e in generale per strutture piuttosto lisce. La grana grossa, invece, è spesso utilizzata per scene di spiaggia o strutture grossolane come la corteccia di un albero. La pasta della struttura viene applicata con una spatola d’artista nella zona desiderata sulla tela o sulla carta da acquerello e lasciata asciugare. È inoltre possibile cospargere sabbia o conchiglie prima dell’essiccazione per migliorare ulteriormente la tridimensionalità. A seconda del motivo si possono utilizzare anche piccole perle di vetro.

Non appena la pasta della struttura è completamente asciutta (quale applicazione più spessa è meglio fare durante la notte), si può dipingere sopra la pasta con l’acquerello. Poiché la vernice sulla pasta della struttura non è molto resistente e può anche macchiare se le mani sono bagnate, si dovrebbe sicuramente trattare il quadro finito con spray di fissaggio ad acquerello. Inoltre, i quadri con la struttura in pasta non devono essere incorniciati dietro il vetro, per questo motivo la carta ad acquerello non è molto adatta come fondo per la pittura. È invece possibile utilizzare una tela, palette di legno o acquaboard impregnati di Aqua-Grund. In alternativa, si può incollare (laminare) la carta da acquerello su tela. In ogni caso, un acquerello che non si trova dietro al vetro deve essere trattato con Fixativ per proteggerlo.

tecniche acquerello

 

Tecnica di spruzzatura

Per la tecnica di spruzzatura, mescolare un colore a scelta e utilizzare molta vernice e acqua. Poi raccogliere la vernice con un vecchio spazzolino da denti. Ora accarezzate con il pollice sulle setole in modo che la vernice si spruzzi sulla carta (a sinistra). Per questa tecnica di pittura si può usare anche un pennello a setole spesse (a destra). In alternativa, è possibile utilizzare un pennello imbevuto di vernice e battere il dito con lo stile. Le macchioline che ne risultano sono un po’ più grossolane e irregolari, ma sono anche un richiamo visivo.

L’aspetto degli schizzi cambia a seconda della consistenza della vernice. A seconda che si utilizzi uno spazzolino da denti, uno spazzolino di setola o un altro spazzolino, anche le dimensioni e la forma degli schizzi variano. Se si vogliono creare degli schizzi su un’area già colorata, bisogna assicurarsi che il colore degli schizzi sia opaco (impermeabile) o più scuro del colore dello sfondo, altrimenti gli schizzi sono difficilmente distinguibili dallo sfondo.

 

Tecnica di raschiatura

Per la tecnica di raschiatura vengono utilizzati oggetti affilati o appuntiti. In questo processo, i dettagli vengono inseriti nelle immagini finite ed essiccate, ad esempio graffiando i rami nella carta con il bordo tagliente di un rasoio o di un bisturi. È necessario prestare particolare attenzione a questa tecnica e non premere troppo forte, altrimenti i brandelli di carta possono essere strappati o la carta viene tagliata completamente. Fare attenzione a non iniziare a grattarsi fino a quando non si è completamente finito con l’immagine, in quanto non è possibile smaltarne le aree graffiate o creare effetti antiestetici.

 

Strutture con sale

Per creare strutture con il sale, si crea prima di tutto un’area di qualsiasi dimensione in uno o più colori bagnato su bagnato. Quindi cospargere di sale grosso o sale grosso su una parte della vernice e attendere qualche minuto. Poi cospargere di nuovo il sale sull’altra parte dove la vernice si è già un po’ asciugata. Lasciate che tutto si asciughi completamente. Una volta che la carta è completamente asciutta, si possono spazzare via i granelli di sale con la mano o con una spazzola di setole.

Ora si può vedere che si sono formate strutture diverse a seconda di quanto era bagnata la carta quando è stato aggiunto il sale. Il sale attira l’umidità e quindi anche l’inchiostro che si lega nell’acqua. Ne risultano strutture sfrangiate intorno ad ogni granello di sale. Più grande è il granello di sale, più la carta è bagnata. Solo poca acqua può essere prelevata da una superficie relativamente asciutta, il che significa che le strutture sono anche più piccole.

 

Pittura di paesaggi ad acquerello

La pittura ad acquerello è molto adatta per dipingere bellissimi paesaggi ad acquerello. A questo scopo è utile creare prima uno schizzo in cui sviluppare, cancellare e correggere la composizione. Dovreste fare lo schizzo su una carta a parte, poiché la carta ruvida ad acquerello non è adatta a questo scopo e lascia tracce poco attraenti. Una volta soddisfatti del vostro schizzo, potete tracciare l’immagine sulla carta ad acquerello o trasferirla con una griglia.

 

 

 

 

La storia della pittura ad acquerello

La pittura ad acquerello ha avuto origine dal pittore Albrecht Dürer intorno al 1500. All’epoca, però, gli acquerelli erano più utilizzati per le bozze, da cui poi sono stati creati i dipinti ad olio. Attraverso artisti come William Turner, Christian Modersohn e Emil Nolde, seguiti da Paul Cézanne, la fama di questa forma d’arte è aumentata nel XVIII secolo. Da allora, la pittura ad acquerello è una forma d’arte consolidata.

dipingere ad acquerello

 

 

Imparare a dipingere ad acquerello

Un buon occhio per le proporzioni e le forme è importante per imparare a dipingere gli acquerelli. Quindi è bene che tu abbia già un po’ di esperienza nel disegno. Come per tutte le altre tecniche di pittura, la pazienza e la disciplina sono importanti per progredire e sviluppare il proprio stile pittorico. Per i principianti e per la formazione continua, oltre ai libri di testo e agli e-book, ci sono corsi online su Internet che aiutano a imparare la pittura ad acquerello.

 

 

 

 

Libri di testo e e-book ad acquerello

Per l’apprendimento della pittura ad acquerello vale la pena di utilizzare libri o e-book, perché si può liberamente dedicare il proprio tempo all’apprendimento e per relativamente pochi soldi si possono ottenere molte conoscenze, che si possono leggere in qualsiasi momento. Consigliamo i seguenti libri didattici:

 

 

Domande e risposte

 

Quali acquerelli sono adatti ai principianti?

All’inizio si possono usare anche acquerelli a buon mercato, perché hanno già una buona densità di colore. Per la pittura ad acquerello avanzata vale la pena investire in vernici ad acquerello di alta qualità, in modo che l’opera d’arte abbia l’espressività e la luminosità appropriate.

dipinti ad acquerello