Resina epossidica Guida – Tutto quello che c’è da sapere sulla Resina

Il termine resina è noto in Italia da non molto tempo. Ma cos’è esattamente la resina e qual è la differenza rispetto alla resina epossidica e alla resina da colata? Spieghiamo le differenze tra le diverse resine, per cosa vengono utilizzate e quali sono i migliori prodotti sul mercato.

 

 

Cos’è la resina?

Se cercate questo eccitante argomento su Internet, di solito vi imbatterete più volte nei termini resina epossidica, resina sintetica, resina colata, resina o resina epossidica. Il termine “resina” è in realtà l’equivalente in lingua inglese della resina epossidica, ma, proprio come la resina epossidica, è ora frequentemente utilizzato nei testi informativi e nelle istruzioni in lingua tedesca su questo argomento.

La resina epossidica o resina è una resina sintetica che può essere utilizzata per molti scopi diversi e viene creata mescolando due componenti che sono abbinati l’uno all’altro. Se la resina liquida viene miscelata con un indurente adatto, si mette in moto una reazione chimica che dura di solito diverse ore. Dopo che i componenti sono stati miscelati tra loro, non solo il calore viene irradiato, ma il materiale viene convertito da un liquido ad uno stato solido di aggregazione. Di solito il rapporto di miscelazione tra resina e catalizzatore è di 1 a 1 o anche 1 a 2, in modo che il materiale possa polimerizzare perfettamente.

Diverse resine epossidiche o resine sintetiche, ognuna con proprietà singolarmente diverse, possono essere utilizzate per una varietà di applicazioni diverse secondo le specifiche del produttore. Esiste un’ampia gamma di resine diverse, che si differenziano notevolmente in termini di durata del processo di indurimento e di durezza e insensibilità delle superfici trasformate finite. Ulteriori parametri per la selezione di una specifica resina epossidica possono essere fattori quali lo spessore massimo dello strato che può essere formato con il materiale o la sua resistenza al calore.

Le diverse proprietà della resina epossidica in diverse varianti di prodotto:

  • Viscosità (scorrevolezza)
  • Spessore massimo dello strato che può essere applicato per ogni getto
  • Durata del processo di indurimento
  • Proprietà di adesione su superfici di materiali diversi
  • Grado di durezza dopo il completo completamento della trasformazione

 

Vorremmo darvi una comprensione degli aspetti che dovreste considerare quando acquistate la resina epossidica per avere esattamente il materiale giusto per il vostro progetto.

kunstharz

 

 

A cosa serve la resina epossidica o la resina?

In sostanza, la resina epossidica è molto versatile per diversi tipi di progetti artistici e artigianali. Gli esempi che seguono sono solo un estratto della moltitudine di applicazioni possibili:

  • Sigillatura del suolo negli spazi abitativi
  • Fissaggio di tappeti in pietra all’interno e all’esterno
  • Sigillatura resistente al taglio dei piani di lavoro in cucina
  • articoli in resina epossidica e legno come i taglieri
  • Idee di ristrutturazione moderne per vecchi edifici
  • Gioielli in resina epossidica
  • Riparazioni rapide con resina speciale UV
  • Oggetti d’arte in resina epossidica come le immagini artistiche in resina
  • Fusione di stampi e figure di ogni tipo
  • Oggetti di decorazione come la resina Geoden e i piatti in resina Petri
  • Mobili in resina senza tempo, come i tavoli in resina epossidica
  • Ripiani in resina per piatti doccia
  • Sigillanti impermeabilizzanti per pavimenti di garage
  • Fusione di manufatti e materiali in resina sintetica
  • Autocostruzione di acquari e terrari
  • Riparazione e incollaggio di piccole parti
  • Resina sintetica come finitura o gelcoat per la costruzione di imbarcazioni
  • Costruzione fai-da-te di tavole da kite
  • Progetti di costruzione di modelli

 

 

Cosa devo considerare quando acquisto la resina?

Le resine epossidiche sono ora disponibili presso molti rivenditori specializzati e nella maggior parte dei negozi di fai da te. La scelta è di solito ancora maggiore quando si ordina via Internet, dove è possibile ottenere questi materiali in molti casi al miglior prezzo. Probabilmente troverete online presso molti rivenditori la più ampia scelta di varianti di prodotti di alta qualità per tutti i possibili campi d’applicazione.

Se avete appena iniziato a lavorare con le resine epossidiche, potreste essere un po’ scoraggiati dal fatto che molti componenti in resina sintetica non sono direttamente economici. Ma questo non dovrebbe essere un motivo per cercare sempre le offerte più economiche. Dopotutto, le varianti di prodotto offerte a prezzi particolarmente bassi possono a volte essere di qualità talmente inferiore da costarvi punti di soddisfazione e demotivarvi, e non solo in termini di risultati del vostro lavoro. Alcuni prodotti possono anche contenere solventi dannosi per la salute o evaporare durante il processo di polimerizzazione. Può accadere che il materiale non si curi completamente o che sia difficile da miscelare prima del processo di polimerizzazione. Alcune resine economiche non impressionano per la loro trasparenza cristallina, ma appaiono leggermente giallastre durante il processing. Questa spiacevole sfumatura giallastra può essere intensificata in seguito con un po’ di luce solare.

gießharz

Suggerimento: Nonostante un ragionevole confronto dei prezzi, si dovrebbero acquistare componenti in resina epossidica della più alta qualità possibile per poter lavorare bene con loro e ottenere dei bei risultati.

 

 

Qual è la resina giusta per il mio progetto?

Prima di tutto, questa domanda riguarda le proprietà dei materiali che caratterizzano una particolare miscela di resine epossidiche. Si dovrebbe quindi essere in grado di stimare, sulla base delle specifiche del produttore, come la resina epossidica può essere lavorata e lavorata sia allo stato liquido che indurito.

Resine epossidiche a bassa viscosità (bassa viscosità) / resine da colata

È necessario prestare attenzione quando si tratta di viscosità: Questo termine descrive la scorrevolezza dei liquidi. Tuttavia, si parla di bassa viscosità quando un liquido è particolarmente sottile e scorrevole. Quindi, se si vuole acquistare una resina a bassa viscosità, si dovrebbe acquistare una resina a bassa viscosità. La proprietà di una consistenza quasi acquosa può essere molto importante per alcune applicazioni, ad esempio se si vogliono gettare stampi o per la produzione di tavole fluviali.

Resina da colata a bassa viscosità assolutamente raccomandabile:

segue la raccomandazione del prodotto

 

Tuttavia, la bassa viscosità di queste varianti di resina a bassa viscosità fa sì che la loro polimerizzazione avvenga molto lentamente. Si dovrebbero quindi pianificare intervalli più lunghi per le fasi successive dell’elaborazione. D’altra parte, si ha a disposizione molto più tempo e nessuno stress durante l’elaborazione. Dopo tutto, la resina epossidica a bassa viscosità di solito si indurisce solo dopo 12-24 ore. Poiché il processo chimico esotermico di trasformazione è così lento, viene rilasciato relativamente poco calore. Così, a differenza delle resine epossidiche ad alta o media viscosità, gli strati più spessi e le maggiori quantità di materiale possono essere lavorati in un’unica operazione senza problemi.

Campi di applicazione Resina colata

  • Colata di tutti i tipi di stampi
  • Produzione di gioielli in resina epossidica
  • Pezzi stampati nel campo della modellistica
  • mobili come tavoli in resina epossidica e tavoli da fiume in resina
  • Riempimento di crepe e fori nel legno
  • Pavimenti in resina epossidica in ambienti abitativi o pavimenti di garage

 

epoxidharz

 

Resina epossidica viscosa (altamente viscosa) / resine di laminazione

Molte resine epossidiche più spesse e quindi altamente viscose o mediamente viscose, con la loro consistenza tenace, ricordano il miele. Le varianti di prodotto di questa categoria sono spesso esplicitamente indicate in commercio come resina di laminazione o resina e sono particolarmente adatte per il rivestimento di superfici. Tuttavia, possono essere utilizzati anche per realizzare progetti nel campo dell’arte della resina e dei geode in resina. Con le resine ad alta viscosità si dovrebbero assolutamente prendere sul serio le istruzioni del produttore per quanto riguarda lo spessore massimo dello strato di un passo di lavoro. In molti casi, per una lavorazione senza problemi, non si dovrebbe superare uno spessore dello strato di 1 o 2 cm.

Per applicazioni che richiedono una resina ad alta o media viscosità consigliamo il seguente prodotto:

segue la raccomandazione del prodotto

 

Campi di applicazione della resina di laminazione

  • Arte della resina, ovvero la fusione di immagini con la resina
  • Oggetti deco come la resina Geoden e i piatti in resina Petri
  • Finitura di dipinti e opere d’arte di ogni tipo
  • Alcune varianti di gioielli in resina
  • Sigillatura di superfici come piani di lavoro o tavoli

 

 

 

Informazioni sulle diverse viscosità:

 

Spessore dello strato

Gli strati più spessi possono essere facilmente colati con varianti di resina particolarmente a bassa viscosità. Poiché questa resina non si riscalda così tanto durante l’indurimento, si possono colare anche strati più spessi. È possibile rimuovere le bolle d’aria dallo strato di resina epossidica ancora liquida soffiando delicatamente con un essiccatore ad aria calda o un bruciatore Bunsen adatto.

La resina più viscosa, come la resina di laminazione, non dovrebbe essere colata più spessa di circa 1 cm. Le bolle d’aria che salgono nel materiale sono molto difficili da far salire e da far uscire a causa della consistenza altamente viscosa.

epoxy resin

Suggerimento: Troverete le informazioni più importanti nelle informazioni del produttore sulla confezione del prodotto. Di norma, queste informazioni dovrebbero anche indicare la quantità totale di materiale che può essere utilizzata senza problemi in un’unica operazione.

 

Tempo di elaborazione

Un fattore molto importante quando si lavora con le resine epossidiche è il cosiddetto tempo di lavorazione. Alcuni lo chiamano anche “pot life” o “tempo aperto”. Questi termini sono usati per descrivere l’arco di tempo entro il quale la resina può essere lavorata dopo la miscelazione dei due componenti (resina e indurente).

Ab einem gewissen Zeitpunkt setzt schließlich eine Phase ein, in der das Harz immer dicker und zähflüssiger wird. Zu diesem Zeitpunkt sollte es (außer vielleicht in Spezialfällen) nicht mehr weiter verarbeitet werden, da es sich nicht mehr von selbst zu einer ebenen Fläche ausgleicht und auch nicht mehr homogen einfärben lässt.

Breve tempo di elaborazione

Vantaggi

  • si possono ottenere alcuni effetti nella tintura di queste varianti di resina
  • più rapido accumulo di strati: più strati possono essere versati uno sopra l’altro in intervalli più brevi

 

Svantaggi

  • aumento della formazione di bolle in situazioni di sfogo difficili
  • sotto i raggi UV può spesso verificarsi un certo ingiallimento/gialloreggiamento

 

Lungo tempo di elaborazione

Vantaggi

  • in caso di un tempo di lavoro più lungo c’è abbastanza tempo per mescolare diversi colori e lavorarli in pace
  • le transizioni da uno strato all’altro sono difficilmente visibili quando più strati trasparenti sono impilati uno sopra l’altro

 

Svantaggi

  • per la fusione di più strati sono necessari più materiali individuali, come ciotole e spatole per la fusione di più strati

 

Tempo di polimerizzazione

Il tempo di indurimento della resina epossidica è definito come l’intervallo di tempo dopo il quale si raggiunge uno stato di assoluta durezza e insensibilità dopo la miscelazione dei componenti. Di solito, il tempo di indurimento è anche correlato al tempo di lavorazione: se è disponibile solo un breve tempo di lavorazione, la resina viene di solito completamente indurita anche dopo un periodo di tempo relativamente breve.

Quanto differiscono i diversi prodotti in termini di tempo di lavorazione?

  • I prodotti con un tempo di lavoro piuttosto breve, da 20 minuti a 1 ora circa, dovrebbero essere completamente curati dopo circa 24 ore.
  • I prodotti con un tempo di lavorazione fino a 12 ore consentono un’elaborazione ed effetti più complicati, ma richiedono anche fino a 1 settimana per una completa polimerizzazione.

 

was ist resin

 

Le proprietà della resina epossidica in sintesi

Negli ultimi anni, i volumi di produzione e di vendita di resine epossidiche sono aumentati a passi da gigante. Ciò è dovuto non da ultimo al fatto che sempre più persone conoscono le incomparabili proprietà di questo materiale speciale.

 

Gli straordinari vantaggi della resina epossidica

Molte persone che lo sentono o lo leggono per la prima volta si pongono la domanda: Cos’è la resina? A questa domanda si può rispondere al meglio elencando le sue proprietà speciali. Le proprietà elencate di seguito si riferiscono allo stato saldamente indurito dopo la miscelazione e l’indurimento. A seconda del produttore e del prodotto, questa condizione può essere raggiunta solo dopo circa una settimana. In generale, troverete informazioni più dettagliate su questo aspetto nelle istruzioni del produttore direttamente sull’imballaggio dei vostri componenti. A volte appare molto prima, come se la resina da colata fosse già completamente indurita. Infatti, in molti casi la trasformazione chimica richiede molto più tempo del previsto. Tuttavia, una volta completato il processo di indurimento, le seguenti proprietà positive si applicano a quasi tutti i prodotti:

  • resistenza all’abrasione molto elevata
  • generalmente elevata resistenza del materiale
  • insensibile agli urti (non si frantuma o si scheggia)
  • di solito un basso restringimento durante la conversione da liquido a solido
  • valori di densità di circa 1,2 grammi (per centimetro cubo)
  • buona resistenza ai raggi UV con prodotti di alta qualità corrispondente
  • aderisce bene a quasi tutti i materiali (ad esempio anche al legno)
  • elevata temperatura di deflessione del calore
  • funge da isolante elettrico
  • elevata resistenza agli acidi
  • con un’accurata preparazione del sottofondo: quasi nessuna fessurazione della resina epossidica
  • buona resistenza agli agenti atmosferici in ambienti esterni

Suggerimento: Anche la resina epossidica di alta qualità è difficilmente o per nulla infiammabile allo stato liquido.

 

Durata quasi assoluta

Una superficie completamente indurita di resina epossidica di alta qualità è estremamente durevole e resistente all’abrasione. Il materiale è meccanicamente molto resistente senza deformazioni. Inoltre è resistente agli acidi e non è suscettibile alla corrosione. Per questo motivo, la resina di alta qualità viene utilizzata anche come rivestimento resistente al taglio per i piani di lavoro della cucina.

 

Possibili svantaggi dell’utilizzo di resina epossidica

Anche se le proprietà positive delle resine epossidiche superano i loro svantaggi, ci sono naturalmente alcuni aspetti negativi di questo materiale:

  • con acido altamente concentrato, la resina non è completamente resistente agli acidi
  • la materia prima liquida può causare allergie e/o eruzioni cutanee in alcune persone dopo il contatto con la pelle
  • alcuni prodotti non sono assolutamente resistenti alla luce sotto i raggi UV e possono ingiallire
  • la resina sintetica già indurita non è facile da rimuovere
    •  

 

Le resine epossidiche sono tossiche o pericolose?

La resina liquida e il relativo indurente contengono sostanze che non devono essere applicate direttamente sulla pelle. Il contatto diretto con la pelle attraverso i componenti allo stato grezzo potrebbe (come per molte altre sostanze nella vita di tutti i giorni) in una certa misura causare irritazioni della pelle o addirittura reazioni allergiche. In generale, raccomandiamo di affrontare sempre progetti con resina epossidica solo in ambienti molto ben ventilati. Inoltre, si consiglia di proteggere sempre gli occhi con occhiali protettivi adeguati e, idealmente, di indossare anche una maschera di respirazione con filtro. Si devono osservare le relative istruzioni di sicurezza del produttore sull’imballaggio.

Ogni volta che si lavora con la resina epossidica è necessario adottare le seguenti misure di protezione:

  • Indossare occhiali protettivi (che racchiudono completamente gli occhi)
  • indossare vecchi abiti con maniche e gambe lunghe (o una tuta protettiva)
  • lavorare solo in una stanza ben ventilata
  • utilizzare guanti di nitrile non danneggiati
  • Indossare una maschera respiratoria con filtro integrato
  • non riempire completamente il recipiente fino all’orlo quando si mescolano i componenti, altrimenti la miscela può facilmente colare sull’orlo durante la miscelazione

 

Se si seguono queste regole di base, non si dovrebbero incontrare grossi problemi quando si lavora con la resina epossidica. Potete trovare maggiori informazioni nel nostro post separato del blog sulla lavorazione delle resine epossidiche.

 

 

Come si può colorare la resina epossidica in modo decorativo?

Le resine epossidiche sono di solito incolori e assolutamente trasparenti. Per questo motivo vengono spesso utilizzati per applicazioni in cui gli oggetti o i pezzi da collezione sono fusi in resina. La resina trasparente viene utilizzata molto spesso anche per la realizzazione di acquari o terrari autocostruiti. Ci sono anche molte altre possibili applicazioni per le quali si potrebbe voler colorare la resina.

epoxidharz einfärben

Quali colori sono adatti per la colorazione della resina epossidica?

Per la colorazione della resina sono adatti fondamentalmente diversi tipi di colori:

  • pigmenti colorati in polvere
  • Inchiostri alcolici (inchiostri)
  • Concentrati di colore in forma liquida
  • Colori dell’aerografo

 

Non utilizzare vernici che contengono acqua. L’acqua contenuta nelle vernici potrebbe impedire alla resina epossidica di indurirsi completamente o causare altri effetti indesiderati sulla resina.

L’acquisto di prodotti di alta qualità è in realtà sempre utile quando si colorano le resine epossidiche. Dopo tutto, si può presumere che i colori saranno convincenti a lungo termine grazie alla loro solidità alla luce solo se sono di qualità adeguata. Non c’è niente di più fastidioso che notare lo sbiadimento di una piccola opera d’arte in resina epossidica a poche settimane dalla produzione.

Le nostre raccomandazioni per i coloranti di alta qualità per la resina:

 

In alternativa alla colorazione della miscela di resina epossidica, i pezzi in resina sintetica possono essere successivamente verniciati con una vernice per auto di alta qualità a base di 2 componenti. Tuttavia, questo sforzo viene di solito effettuato solo in base ai requisiti speciali per la costruzione di acquari e terrari.

 

 

 

Risposte alle domande più importanti

 

Il legno può essere facilmente sigillato con resina epossidica?

Diversi tipi di legno possono essere sigillati molto bene con resine epossidiche. Questa è anche una delle principali applicazioni delle resine epossidiche, in quanto la resina può sigillare efficacemente le superfici di legno a volte piuttosto morbide e porose e quindi proteggerle da qualsiasi tipo di umidità. I seguenti progetti sono esempi per le varie applicazioni della resina epossidica in questo campo:

  • Riparazioni di parti di imbarcazioni con finitura o gelcoat
  • Sigillatura dei piani dei tavoli
  • Sigillatura dei piani di lavoro in legno della cucina
  • Sigillatura di tutte le altre superfici in legno

 

Ulteriori informazioni su questo argomento speciale sono disponibili anche nel nostro testo guida sul legno in resina epossidica.

 

Come si può rimuovere la resina epossidica dalle aree indesiderate?

Le pronunciate proprietà adesive e l’insensibilità a carichi meccanici di ogni tipo sono solitamente classificate come vantaggi definitivi della resina epossidica come materiale. Tuttavia, queste proprietà rendono anche relativamente difficile la rimozione della resina epossidica dopo l’indurimento. Poiché è così difficile rimuovere la resina in modo meccanico, si consiglia piuttosto di utilizzare altri mezzi in questo caso: In questo modo è possibile ri-liquidare la resina e poi raschiarla via dalla superficie.

epoxidharz entfernen

Bisogna bagnare la superficie in questione con l’acetone solvente in un luogo ben ventilato e poi aspettare per circa un’ora. Dopo questo tempo la superficie dovrebbe essere già leggermente ammorbidita. È quindi possibile riscaldare l’area con una pistola termica fino ad una temperatura di circa 200 gradi Celsius. Si noterà quando questa temperatura viene raggiunta, anche perché la resina si liquefa di nuovo a questa temperatura e può quindi essere raschiata via.

Tuttavia, il riscaldamento deve essere fatto molto lentamente e con attenzione, poiché altrimenti altre parti del pezzo in plastica o in legno potrebbero essere danneggiate o bruciate. Per istruzioni dettagliate sull’argomento e ulteriori informazioni, consultare il nostro testo sulla rimozione della resina epossidica.

 

Suggerimento: Quando la resina epossidica solida viene liquefatta con aria calda, a volte possono essere rilasciati vapori nocivi. Per questo motivo, quando si lavora in questo modo, si dovrebbe sempre indossare una maschera di respirazione adatta!

 

Esiste una resina epossidica sicura per gli alimenti?

Quasi tutte le resine epossidiche sono sicure per gli alimenti dopo l’indurimento completo. Tuttavia, con alcune miscele di resine sintetiche, questo stato di indurimento completo può verificarsi solo dopo diverse settimane. In linea di principio, le resine epossidiche possono essere certificate per l’uso come contenitori o substrati per la lavorazione di prodotti alimentari. Tuttavia, la maggior parte dei produttori di resine si astengono da questo passo a causa dei costi elevati.

epoxidharz lebensmittelecht

 

Cosa significa il termine resina?

La parola resina proviene originariamente dal mondo anglofono. In origine significava resina in generale, ma oggi viene usata molto spesso con particolare attenzione alle resine epossidiche. Soprattutto nel campo dell’arte contemporanea, la resina è spesso utilizzata quando si parla di resine. Tuttavia, è solo un altro nome, nella maggior parte dei casi la resina è usata in lingua inglese o tedesca solo come sinonimo di resina epossidica.

 

Come può essere trattata ulteriormente la resina epossidica indurita?

Dopo che la resina epossidica si è indurita, in realtà non si tiene in mano nient’altro che un pezzo di plastica dura. È quindi possibile rielaborare il materiale nei seguenti modi:

  • rettifica (manuale o con macchina)
  • esercitazione
  • lucidare a specchio (manualmente o con una lucidatrice)

 

I rivestimenti in resina epossidica sono impermeabili?

Dopo l’indurimento, la resina epossidica è e rimane impermeabile, a condizione che non sia penetrata da fori o crepe. Il versatile materiale rimane impermeabile per molti anni, anche a lungo termine.

epoxydharz

 

Cosa si intende con il termine pot life?

Il termine pot life è talvolta usato come termine per il periodo di tempo massimo di lavorazione della resina epossidica. La durata esatta del pot life dipende dai seguenti parametri:

  • quale resina (da quale produttore) è stata utilizzata
  • della quantità di resina lavorata in una sola operazione
  • Valori di temperatura dell’ambiente e della superficie del pezzo
  • Dalla temperatura della resina epossidica mista

 

Nel corso del pot life la consistenza della miscela di resina epossidica cambia da relativamente sottile a spessa. Ad un certo punto, la miscela di resina non può più essere lavorata e alla fine diventa solida. A seconda della quantità lavorata e di altri fattori, è possibile che dopo la miscelazione della resina epossidica sia disponibile solo un tempo relativamente breve per la lavorazione. Per questo motivo, si dovrebbe mescolare solo la maggior parte di esso che si può realisticamente elaborare senza troppo stress.

 

Come ottenere la vostra resina epossidica senza bolle

  • non scuotere i contenitori dei componenti anche prima della miscelazione
  • una mano ferma durante la miscelazione impedisce l’aumento della miscelazione delle bolle d’aria
  • può essere utile preriscaldare la resina e l’indurente nel contenitore in un bagno di acqua calda prima della lavorazione
  • Alcuni oggetti possono a volte rilasciare bolle d’aria nella resina durante il processo di colata. Si può evitare ciò sigillando questi oggetti in anticipo con un sottile strato di resina epossidica.
  • in casi difficili le bolle d’aria possono talvolta essere rimosse con una pompa a vuoto

 

Fonte immagine Titolo: Sunny Cobra Art / shutterstock.com

Articoli simili